L’immobiliare in Italia arranca, in America segna nuovi record

Home »  news »  L’immobiliare in Italia arranca, in America segna nuovi record

L’immobiliare in Italia arranca, in America segna nuovi record

Articolo del 26 gennaio 2017, tag ,

In Italia le compravendite immobiliari residenziali sono ai minimi dal 1985 (sebbene nel 2016 si sia assistito ad un recupero rispetto all’anno precedente), e l’Eurostat certifica come in tutta Europa solo Italia e Cipro facciano segnare un calo del prezzi. La domanda sorge spontanea: conviene davvero investire nel mattone nel nostro Paese?

Negli ultimi giorni sono usciti alcuni dati che testimoniamo come negli Stati Uniti le vendite di immobili continuino a crescere senza dare segni di rallentamento.

In base ai dati raccolti da un primario network immobiliare americano, le vendite nel mese di novembre hanno registrato un incremento del 19,1% rispetto all’anno precedente: è quasi certo, a meno di improbabili crolli nell’ultimo mese dell’anno, che il 2016 abbia chiuso al di sopra del 2015 che pure è stato uno dei migliori anni per il settore immobiliare a stelle e strisce negli ultimi 10 anni.

Secondo gli analisti di settore, a contribuire a dare slancio al real estate americano sono stati i tassi di interesse dei mutui (che, sebbene in lieve aumento rispetto ai minimi, restano comunque a livelli ridotti rispetto alla media degli ultimi 30 anni) e la progressiva diminuzione dell’offerta: quest’ultima, infatti, è salita soltanto del 4% contro il 5% del novembre 2015.

Un contesto che riduce pure i giorni medi che occorrono per vendere un immobile sul mercato: dai 65 necessari nel novembre 2015, si è scesi agli attuali 59 giorni, con punte minime vicino al mese per le compravendite a San Francisco (32 giorni) e quelle a Denver (33 giorni).

Da segnalare, infine, che anche le quotazioni sono risultate in aumento: il prezzo medio di vendita nelle oltre cinquanta aree metropolitane esaminate si è attestato a circa 220.000 dollari, l’8,9% in più rispetto a novembre 2015.

I numeri, e i dati parlano chiaro. Roberto è disponibile a condividere con i suoi clienti, il suo know-how, nato dalla dura esperienza sul campo. Ma attenzione: se il tuo tempo è una risorsa molto preziosa, anche il nostro ha un altissimo valore, ecco quindi che ti invito ad utilizzare questo contatto diretto solo se sei davvero motivato.